Ecco il progetto di Taranto libera: informiamo rilanciando la fiducia nelle Istituzioni.

25 luglio 2010 alle 11:47 | Pubblicato su Le Azioni di 'Taranto libera' | Lascia un commento

Campagna di Informazione rischi sanitari rione Tamburi

Nonostante gli sforzi dei mezzi di informazione, la popolazione del rione Tamburi non risulta ancora essere adeguatamente informata né sull’ordinanza sindacale né sui rischi sanitari correlati alla presenza di inquinanti nelle aree a verde. A tutt’oggi le misure da adottare nell’immediato, stabilite dall’ordinanza sindacale, risultano essere ancora inapplicate. Nel rione Tamburi non esiste un cartello di divieto né un manifesto che ricordi il divieto di accesso alle aree a verde imposto dall’ordinanza. Come è emerso dall’analisi di rischio, i bambini risultano essere la fascia di popolazione maggiormente in pericolo. Nasce dunque la necessità di una campagna di informazione capillare e corretta.

Taranto libera ha, pertanto, realizzato un progetto finalizzato ad ‘istruire’ in maniera semplice e attraverso una strategia mirata al rilancio della fiducia nelle Istituzioni. Il progetto, relativamente al coinvolgimento del Comune di Taranto, attende consenso da parte della Commissione Ambiente, in particolare da parte del Sindaco Ippazio Stefàno.

Ecco il progetto in sintesi:

Il messaggio base è stato formulato individuando le caratteristiche del Target Group, il vantaggio offerto da una corretta informazione sul rischio per la salute, puntando sulla visibilità e sulla comprensibilità. Si è scelta come figura retorica, l’immagine di una panchina vuota posta in un giardino incolto del Quartiere Tamburi, per evidenziare il divieto di accesso alle aree a verde.

Per garantire la massima diffusione del messaggio e per coinvolgere un maggior quantitativo di forze sociali, poiché il processo di informazione è anzitutto sviluppo della consapevolezza ed evoluzione della coscienza ambientale in un’ottica di corresponsabilità, sono state definite le seguenti metodiche:

1. Lettera del Sindaco con allegato un depliant informativo inviati in busta indirizzata al capo-famiglia. Questa iniziativa rafforza la fiducia nelle Istituzioni.

2. Nel corso della prima fase della campagna informativa (ad es. 1 settimana), telegiornali regionali e locali dovranno ricordare, mediante brevi comunicati, il divieto di accesso alle aree contaminate.

3. Installazione di manifesti in luoghi strategici poiché altamente frequentati nella zona di Taranto centro (non solo al rione Tamburi) e locandine, da distribuire nei luoghi maggiormente frequentati.

4. Pubblicazione gratuita da parte dei giornali locali del messaggio riportato sul manifesto (versione verticale) e/o distribuzione gratuita del depliant informativo.

5. Inserimento del materiale informativo sul sito del comune.

6. Brevi spot televisivi con messaggio diretto ed efficace sui rischi.

Taranto libera intende presentare, tramite i mezzi di comunicazione, il proprio progetto di campagna informativa che puo’ in parte essere già diffuso, nell’attesa che il Comune di Taranto possa aderire responsabilmente all’iniziativa. Per garantire una capillare diffusione delle informazioni, Taranto libera invita tutte le Associazioni e Coordinamenti di Associazioni a fare proprio il suo progetto o a prendere spunto da esso. Manifesti, locandine e depliant sono disponibili sul blog di Taranto libera: https://tarantolibera.wordpress.com/.

L’invito è rivolto anche ai liberi professionisti e imprenditori, agli Ordini Professionali e a tutti i cittadini.

Taranto libera condivide pienamente l’iniziativa dell’Ordine dei Medici di Taranto che ha ritenuto di dare il proprio contribuito alla campagna di informazione mediante la realizzazione di locandine da distribuire negli studi medici. Taranto libera ringrazia la Dott.ssa Annamaria Moschetti (Associazione Culturale Pediatri), per i suoi preziosi suggerimenti e il Presidente dell’Ordine dei Medici Dott. Cosimo Nume da sempre sensibile alle problematiche ambientali del nostro territorio.

Taranto libera invita infine stampa e tv a pubblicare il manifesto/locandina allegato nelle due versioni (orizzontale o verticale privi del logo del Comune) provvedendo a darne la giusta visibilità. Si ritenga, questo un contributo sociale e civile doveroso da parte dei mezzi di comunicazione.

Coordinamento Comitato Cittadino Taranto libera.

Annunci

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: