VIDEO CONVEGNO “SOLE, TERRA, VENTO. Vocazioni di un territorio per una nuova economia”

21 marzo 2011 alle 19:41 | Pubblicato su Le Azioni di 'Taranto libera' | Lascia un commento

Il 19 febbraio 2011, si è tenuto a Taranto il convegno “SOLE, TERRA, VENTO. Vocazioni di un territorio per una nuova economia” promosso e organizzato dal comitato cittadino “Taranto libera” per scatenare il dibattito su una possibile alternativa economica all’industria pesante ed inquinante. “Un tentativo innovativo e coraggioso” è stato definito dall’economista Roberto Polidori.
Lo spirito del convegno è stato ben chiarito dalla presentazione della Dott.ssa Maria Teresa D’Amato (Responsabile delle Pubbliche Relazioni per ‘Taranto libera’): “Il convegno non vuole essere la panacea dei mali di Taranto, ma un primo passo dei cittadini che pretendono un futuro migliore e diverso; un futuro che contempli la salvaguardia dell’ambiente, del territorio e della salute. Se noi, noi cittadini, siamo riusciti ad organizzare questo convegno, che è un piccolo contributo, ci chiediamo cosa potrebbero fare i nostri amministratori che amano, o dovrebbero amare, questa città almeno tanto quanto noi.”

Il convegno è stato moderato da Luisa Campatelli  direttrice del quotidiano locale “Corriere del Giorno” ed introdotto dalla Dott.ssa Daniela Spera, responsabile del comitato. 

Il Convegno ha ottenuto il Patrocinio morale di:
~ Comune di Taranto;
~ Assessorato regionale allo Sviluppo Economico;
~ Ordine degli Ingegneri della Provincia di Taranto;
~ Ordine regionale dei Geologi della Puglia ;
~ Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della Provincia di Taranto

PER MAGGIORI INFORMAZIONI:
https://tarantolibera.wordpress.com/2011/02/20/sole-terra-vento-alternative-possibili-cominciamo-a-discuterne-e-a-raccogliere-progetti/

Per chi non avesse potuto assistere, di seguito i video del convegno:

VIDEO N°1 (IN ALTO):
Relazione della Dott.ssa Adele Di Fabbio, dottoranda di ricerca – Università degli Studi di Bari – Istituzioni e politiche comparate – Sociologia Economica, dal titolo “Taranto e l’industria pesante: bassa ‘resilienza’ economica e teoria della path dependance.”
LINK della sintesi dell’intervento:

https://tarantolibera.wordpress.com/2011/02/23/convegno-%e2%80%9csoleterravento-vocazioni-di-un-territorio-per-una-nuova-economia%e2%80%9d-primo-intervento/

——————————————————————————————————————————————————————

Relazione dell’Ing. Enzo Galiè – Gruppo STONE Building – Energie Alternative e Geotermia a bassa entalpia, dal titolo: “Utilizzo della geotermia a bassa entalpia e della biomassa per l’energia termica ed elettrica. Ricaduta occupazionale.”
——————————————————————————————————————————————————————-

VIDEO N°2:
Relazione del Dott. Francesco Colelli – SOLARLIGHT ITALIA – Angelantoni Industrie S.p.A. – Energie del sole, dal titolo: “Tecnologie solari per una economia sostenibile. Ricadute in termini occupazionali con la crescita del settore delle energie rinnovabili.”

VIDEO N°3:
Relazione della Dott.ssa Fabiana Mutasci e dell’Ing. Fabrizio Michelotto – VESTAS Nacelles Italia – Progettazione e realizzazione di impianti eolici, dal titolo: “L’impatto di Vestas in termini occupazionali, ambientali e di sicurezza e salute dei dipendenti.”

VIDEO N°4:
Relazione dell’Ing. Pietro Lecce – JONICA IMPIANTI – Minieolico e Microgenerazione, dal titolo: “L’eolico a dimensione delle piccole aziende.”

VIDEO N°5:
INTERVENTI E DIBATTITO.

Annunci

Lascia un commento »

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.
Entries e commenti feeds.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: